Il coronavirus blocca anche le bocce: incertezza sulla prossima stagione

0
171

Sospese le elezioni per presidente e consiglio regionale. Programmazione per il 2021 ferma anche per la manifestazione nazionale organizzata dalla Bocciofila Bederese

Era prevedibile che i contenuti fortemente limitativi del DCPM del 4 novembre avrebbero determinato difficoltà insuperabili per la corretta gestione della tornata elettorale in Lombardia atta a designare il nuovo Presidente regionale e il relativo Consiglio.

Il rinvio sine die era scontato, quindi proseguirà la conduzione commissariale di Moreno Volpi, candidato – contrapposto a Marco Bugiardino – per il ruolo di presidente. La Federazione è stata tempestiva permettendo alle Società di annullare l’impegno per il 21 novembre, mentre per quanto attiene la programmazione per l’annata 2021 ha ricordato quella che per antonomasia è stata l’ultima carica di cavalleria.

A Isbuscenskij, il 24 agosto del 1942, gli squadroni del reggimento italiano Savoia Cavalleria si lanciarono in una carica irresistibile contro le milizie russe travolgendo le loro postazioni predisposte per l’attacco attraverso un doppio passaggio a sciabole sguainate, ottenendo, in una guerra dove dominavano le mitragliatrici, gli obici e quant’altro di moderne macchine da guerra, una vittoria davvero insperata.

Forse questa carica è stata ispiratrice, poiché, insediato il presidente e il consiglio la scorsa settimana, è stata emanata una circolare nella quale, fra gli altri argomenti, veniva indicato di definire entro il 10 novembre 2020 il termine ultimo per la richiesta di Gare Nazionali da parte dei Comitati Regionali tenuti a concordare le richieste con le regioni limitrofe.

Ora pensare di poter prevedere e perciò programmare attività proiettate nel prossimo anno agonistico in questi tempi, con i bocciodromi chiusi a qualsiasi manifestazione anche di allenamento degli atleti agonisti, è quantomeno prematuro non esistendo certezza alcuna non solo sul futuro immediato, ma anche sul medio termine.

Per rimanere nella Provincia di Varese la Bocciofila Bederese, che organizza da otto anni una manifestazione nazionale, lo scorso anno qualificata Elite, nel 2021 gara di Alto Livello, non se la sente di assumere un impegno di tale portata nella insicurezza planetaria che pervade tutto lo sport italiano ed europeo, in particolar modo il mondo delle bocce, additato sovente, seppure impropriamente, come fonte di propagazione del virus o comunque frequentato in teoria da persone a rischio, stante l’età media dei praticanti abbastanza in là con gli anni.

In compenso la Federazione ha deciso di ridurre le quote d’iscrizione ai campionati a squadre di prima, seconda e terza categoria del 50%: apprezzabile, sebbene qualora non si provvedesse a creare gironi ove le distanze da percorrere per le trasferte fossero ridotte, il risparmio sulle quote assumerebbe scarsa rilevanza economica.

Tutti si augurano di veder sorgere tempi più favorevoli, tuttavia forse si sarebbe potuto attendere e indicare una data più praticabile: la carica del Savoia Cavalleria è stata un evento storico fantastico non ripetibile, soprattutto nel campo dello sport delle bocce.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.